Tecniche di ipnosi: come funzionano e quali sono le più usate

Le tecniche di ipnosi che vengono utilizzate nel mondo, appunto, dell’ipnosi, sono parecchie. Nei film siamo abituati a vedere il classico ipnotizzatore con in mano l’orologio, che lo fa dondolare di fronte al paziente il quale inevitabilmente crolla ipnotizzato dopo un po’ di tempo.tecniche-di-ipnosiChiaramente la realtà è diversa. Le tecniche di ipnosi (http://www.scuoladiipnosi.net/l-ipnosi-l-autoipnosi) sono diverse tra loro, ce ne sono parecchie che variano tra loro anche di parecchio. Inoltre, alcuni pazienti sono maggiormente stimolati da alcune e del tutto indifferenti ad altre, a seconda della propria indole e della bravura dell’ipnotizzatore.


La prima tra le tecniche di ipnosi delle quali vogliamo parlarvi è quella della regressione, con la quale si cerca di far rivivere al paziente degli eventi del passato, anche se creduti dimenticati dal paziente stesso. Solitamente è piuttosto macchinosa, ma può dare dei risultati anche ottimi: viene spesso utilizzata durante le indagini della polizia o durante le sedute di psicoterapia.
Allo stesso modo un’altra tra le tecniche di ipnosi più usate è quella della progressione, la quale consente di far “vivere” per così dire, al paziente, degli ipotetici eventi futuri inventati o decisi dall’ipnotizzatore. Può essere usata in psicologia, ad esempio per tentare di risolvere conflitti, paure o traumi. Altrettanto, a volte viene usata con scopo “ludico”, per visualizzare delle ipotetiche situazioni piacevoli.
https://www.youtube.com/watch?v=yR4xGITzNvc
Infine, tra le tecniche di ipnosi più usate e semplici vi è la suggestione: consiste, semplicemente, nel suggestionare il paziente facendogli credere cose che, in realtà, non sono reali.

Articoli della stessa categoria: